ITA - ENG - DEU - FRA - ESP
Carioni si aggiudica il premio

Carioni si aggiudica il premio "Generazioni Future"


Tommaso Carioni, titolare con il fratello Mario e la sorella Tiziana dell’omonima azienda agricola, si aggiudica il premio "Generazioni Future", assegnato lunedì 15 ottobre in occasione del settimo Salone Sicurezza Alimentare di Milano

MILANO - Rimanere sempre fedeli a se stessi, sfidando la paura di rincorrere il futuro. E vincere. Per l’azienda Carioni Food and Health, questo non è solo uno slogan, ma pura realtà. Tommaso Carioni, titolare insieme al fratello Mario e alla sorella Tiziana dell’omonima azienda leader nel settore agroalimentare, lunedì 15 ottobre è stato insignito a Milano del premio “Generazioni Future”, assegnatogli da Società Umanitaria, Fondazione Agraria Felice Ferri e Centro Studi per lo Sviluppo Sostenibile, in occasione della settima edizione del Salone Sicurezza Alimentare per le celebrazioni della Giornata Mondiale dell’Alimentazione 2018. Motivo del premio: aver contribuito a diffondere la cultura della sicurezza e della sostenibilità alimentare. Un riconoscimento importante, che si aggiunge a quelli ricevuti in passato, ad un imprenditore che ha saputo conciliare i valori della tradizione con le più recenti esigenze di sostenibilità alimentare ed ambientale. «Rispetto della salute e rispetto dell’ambiente sono baluardi imprescindibili per svolgere il nostro lavoro al meglio e creare un prodotto genuino e gustoso».

Poche parole che raccontano un impegno quotidiano lungo quasi un secolo. Sorta nel 1920, l’azienda Carioni ha saputo cogliere i nuovi stimoli dati dalla nostra epoca, senza dimenticare le radici che le hanno consentito di crescere forte e solida. «Noi nasciamo contadini e tali vogliamo rimanere. Ci siamo ingranditi, abbiamo ottenuto risultati soddisfacenti, riconoscimenti che fanno bene al cuore, ma le evoluzioni che questa epoca ci ha suggerito e consentito sono solo un ausilio per alimentare al meglio l’amore per la terra. Non prenderanno mai il sopravvento su ciò che siamo». Le giornate nell’azienda Carioni vengono, infatti, scandite dalla semplicità. «Ogni mattina pensiamo ai nostri animali, ai nostri prodotti e ai nostri ospiti, i clienti». Perché il cliente in un ambiente così attento non può far altro che sentirsi a casa. «Cerchiamo di far provare al cliente un’esperienza di gusto, senza costringerlo. L’acquisto non deve essere un’imposizione, ma l’esito di un’esperienza di ascolto».

800 ettari di terra dislocati sul territorio lombardo, 1300 animali. Dalle cose semplici tutto prende vita, si esaurisce e si rigenera. «Diamo vita ad un ciclo produttivo che si esaurisce e si rigenera in casa nostra. Cerchiamo di prendere dal nostro territorio ciò che ci sforziamo di restituire sotto altre forme». Ma questa fatica non è ancora stata pienamente ripagata. «Esportare i propri prodotti all’estero è una soddisfazione notevole, ma non c’è niente di più bello che vendere i prodotti alla propria gente. Tuttavia, da questo punto di vista, il lavoro da fare è ancora infinito».

Per provare a fare breccia nei cuori dei consumatori italiani, Carioni mira a sradicare l’attuale dogma del consumo quotidiano, anche chiedendo aiuto alla tecnologia. «Vive in noi una continua ed insaziabile fame di cambiamento che ultimamente ci sta spingendo verso un mondo agricolo informatizzato e robotizzato». Sarà, dunque, questa l’eredità che Tommaso consegnerà alle generazioni future, nella certezza di non tradire gli insegnamenti passati e l’amore per la terra: «Non esiste alcun rischio, perché, se si sente trascurata, la terra richiama sempre a sé. E, sono certo, lo farà anche con le generazioni future».

Gloria Giavaldi- Inviato Quotidiano  23 ottobre 2018

VEDI TUTTE
Carioni BIO di Natura è un marchio Carioni Food & Health
Via Desgioi, 5 - 26017 Trescore Cremasco - Tel. +39 3884498562 - Fax +39 0373 291329 - P.Iva 01615070198 - Privacy Policy
Vi aspettiamo presso il nostro spaccio aperto: dal martedì al sabato dalle 8.30 alle 12.30 Dal 1 dicembre anche il pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00 Dal 20 dicembre in orario continuato